martedì 24 maggio 2011

Warriors: No time for losers



Finalmente ci siamo. Dopo la pausa eterna di sei settimane che ha costretto la formazione di Arena dei Warriors a non scendere in campo ufficialmente, domenica prossima iniziano i playoff di questa divisione tutta da scoprire. I guerrieri arrivano al primo incontro (della serie o vinci o sei fuori) dopo aver battuto tutte le formazioni del proprio girone, con un record più che confortante di 6 vittorie e 0 sconfitte. Ma il dato preso da solo non è sufficiente a garantire lunga vita nella fase finale. Altri team hanno chiuso con lo stesso record, ma contro avversari diversi, pertanto il futuro potrebbe riservare piacevoli o sgradite sorprese a tutti. I Warriors9 iniziano subito in salita; di fronte ci saranno i Seamen di Milano che vengono da un 2009 nel quale hanno vinto il titolo italiano nell'under 18 e da un 2010 che li ha visti trionfare nel campionato under 21. Quindi una grande determinazione é la principale caratteristica del team lombardo. Il coaching staff guerriero, capitanato da Toni Mangiafico, ha dovuto inventarsi di tutto per mantenere alta la concentrazione durante questo lungo ponte di inattività agonistica, ma è fiducioso che i ragazzi siano arrivati a maturare la consapevolezza di giocare per un grande team e, pur rispettando tutti gli avversari, nessun nome avversario, perquanto altisonante, deve fare paura. L'incontro si svolgerà domenica 29 alle ore 16 in casa dei Warriors9, in quell'Alfheim Field che nel 2011 sta conoscendo momenti di grandissima esaltazione con i guerrieri. Questo proprio per consentire alla serie A di avere lo staff a disposizione sabato 28 quando scenderà ad Ancona e di non togliere nessuna risorsa la domenica alla serie B. Warriors serie A e Warriors serie B, due progetti sportivi costruiti per vincere, ma le difficoltà saranno tantissime e la strada verso la meta (o meglio il touch down) è ancora lontana. Go WARRIORS9, it's your way, no time for losers.

Ufficio Stampa Warriors | Bologna


Fonte: sito ufficiale dei Warriors.



1 commento:

  1. i nostri avversari sono stati stipiti, anzi, instupiditi

    RispondiElimina